Le diverse tipologie di musica da matrimonio

L’organizzazione di un matrimonio richiede sempre moltissime attenzioni su tutti gli aspetti. Uno di questi aspetti è quello legato alla musica.

Selezionare la musica a Pescara per il proprio matrimonio non è così semplice come sembra, soprattutto se si considera che devono essere valutate due differenti scelte, quella della musica per la cerimonia religiosa (quando il matrimonio si tiene in chiesa) e quello per la festa.

L’organizzazione della musica durante la cerimonia religiosa dovrebbe essere concordata non solo considerando i gusti e i desideri degli sposi, ma anche le necessità del parroco e della chiesa in cui si svolge la cerimonia stessa. In molte chiese, infatti, non sono consentite cerimonie con accompagnamento musicale, altre dispongono di organista, coro o solisti propri, altre ancora lasciano libera scelta agli sposi. La cosa più importante da ricordare è che, in ogni caso, quando si sceglie una cerimonia religiosa accompagnata dalla musica, questa non dovrebbe mai essere predominante sulla funzione stessa e, per quanto possibile, dovrebbe mantenere la massima sobrietà per rispetto del luogo sacro in cui si celebra il matrimonio. Per questo motivo, la musica che accompagna la funzione religiosa è sempre classica, con quartetto d’archi o organo (che non possono non eseguire la celebre marcia nuziale e l’immancabile Ave Maria di Schubert).

Come scegliere le tipologie di musiche per la festa?

La scelta, in questo caso è veramente molto, ma molto varia e dipende, oltre che dai gusti degli sposi, anche dalla location. In linea di massima è sempre bene scegliere location e musica che si abbinino, per cui non si può immaginare di fare una matrimonio in una villa antica scegliendo come sottofondo un genere moderno/rap o, al contrario, sposarsi in un moderno e tecnologico albergo scegliendo musica classica.

La musica giusta per un matrimonio all’americana

Il matrimonio all’americana sta riscuotendo sempre più successo anche in Italia. Si tratta di un matrimonio all’aperto, solitamente organizzato in un parco, e caratterizzato da uno stile molto classico/romantico. Per questo tipo di cerimonia la musica ideale è quella realizzata da un piccolo ensemble di musicisti con strumenti come violino, violoncello, flauto, arpa, per una musica strumentale classica o comunque tradizionale. In questo modo, il matrimonio riesce a mantenere lo stile e l’atmosfera bucolica tipica di una location all’aperto.

Un matrimonio classico

Quando si parla di matrimonio classico, si intende un matrimonio che si realizza in una location d’epoca come una villa settecentesca o comunque antica. Anche in questo caso, la musica più adatta è quella in stile con la location, preferendo quindi un quartetto d’archi e musiche barocche classiche nel caso di una villa sei/settecentesca, un accompagnamento di pianoforte classico per un sottofondo musicale elegante e discreto nel caso di una villa ottocentesca.
Sicuramente l’accompagnamento musicale classico garantisce una certa eleganza al matrimonio, ma è importante ricordare che, a meno di non voler fare un matrimonio completamente in stile d’epoca, è necessario richiedere ai musicisti anche qualche arrangiamento di brani più moderni e/o tradizionali, per eventuali richieste. Questo è particolarmente vero quando si opta per il pianista, al quale spesso si fanno richieste di brani particolari da dedicare agli sposi.

Un matrimonio moderno

Chi vuole che il proprio matrimonio sia una vera e propria festa coinvolgente e non solo un momento di ‘rappresentanza’, sceglie solitamente musiche del momento, che coinvolgono gli invitati al canto o al ballo. Si tratta di scelte che vengono effettuate soprattutto dalle coppie giovani ed indipendenti, che organizzano il proprio matrimonio senza pensare troppo alle tradizioni.
In questo caso, si opta spesso per gruppi musicali che propongono cover, spesso degli anni Ottanta-Novanta, oramai considerata musica revival di grande successo.
Quando possibile, la scelta migliore per la musica è quella di effettuare una doppia selezione, particolarmente idonea in particolar modo quando gli sposi sono molto giovani. Si può quindi puntare su un gruppo musicale che proponga musica in grado di soddisfare i gusti di tutti (come la musica revival, appunto) e poi organizzare una sezione disco-music con un dj, alla quale dare il via quando i parenti più anziani lasciano la festa e si rimane solo con gli amici, potendosi scatenare con i balli che si preferiscono, da quelli latino-americani alla musica elettronica a seconda dei gusti.