Agenzia SEO, una marcia in più per le aziende

Essere presenti sul web oggigiorno non è sufficiente. Infatti, il semplice presidio attraverso un sito anche ben fatto, non è in grado di assicurare visite e interazioni sufficienti ad implementare il business di un’azienda. Proprio in quest’ottica entra in gioco il SEO, uno strumento dal quale le imprese non possono più prescindere.

Cos’è il SEO?

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca, ed è costituito da un insieme di tecniche volte a far sì che i nostri contenuti siano premiati da Google e dai suoi competitor. Gli algoritmi del colosso di Mountain View, infatti, dettano legge nel mondo del web e, senza di loro, difficilmente un sito riuscirà ad essere visibile e ad incontrare l’utenza alla quale si rivolge. In parole povere, anche il miglior sito, quello più accattivante e con informazioni utili e fruibili, rischierà di ottenere ben poche visualizzazioni se non comparirà nelle prime posizioni di Google, poiché la stragrande maggioranza di internauti per le proprie ricerche si affida a questo strumento.

Si pensi infatti che lo scorso anno il solo Google ha registrato la cifra astronomica di oltre 114 miliardi di ricerche al mese, un dato medio in costante aumento. Dunque, affinché un’azienda possa sfruttare appieno la sua presenza in internet, dovrà conquistarsi visibilità sui motori di ricerca. Il SEO interviene proprio in questa fase, e mette a disposizione una serie di strategie in grado di incidere sugli algoritmi dei motori di ricerca affinché questi premino il proprio contenuto piuttosto che un altro. Queste strategie sono variabili e soprattutto vanno applicate con costanza nel tempo: un sito e i suoi contenuti, infatti, necessitano di un lavoro continuo per raggiungere l’obiettivo della visibilità e dell’ottimizzazione. Ed il lavoro dell’agenzia SEO non si esaurisce dunque ad una consulenza una tantum, ma deve essere periodico e mirato per ottenere risultati significativi.

Il SEO specialist: un po’ informatico, un po’ scrittore

A questo punto cerchiamo di capire davvero come lavora un’agenzia SEO, focalizzando la nostra attenzione sulle strategie necessarie a vincere una sfida che, considerata la mole di informazioni che corrono sul web, potrebbe sembrare impossibile. Anzitutto partiamo da uno slogan che, per quanto abusato, è a tutt’oggi ancora il faro da seguire in questo campo: “content is king”. Già, un contenuto di qualità è il primo passo per avere successo, poiché Google attraverso algoritmi e spider (software che analizzano i contenuti in rete) premierà sempre i testi più originali e quelli scritti meglio. Contenuti raffazzonati, realizzati senza l’utilizzo di quegli accorgimenti elementari alla base della scrittura SEO, saranno penalizzati e otterranno il risultato di condannarsi all’invisibilità.

Stesso discorso dicasi per l’originalità: Google è in grado di cogliere al volo un testo copiato o anche solo “ispirato” ad un altro testo presente in rete, con la conseguente penalizzazione del sito web che lo ospita. Il copywriter di una agenzia SEO sarà dunque in grado di partorire contenuti interessanti, fluenti ed innovativi, sapendo dosare con oculatezza e parsimonia le parole chiave, ovvero quelle utilizzate più comunemente dagli utenti alle prese con una ricerca sul “big G”. Dovrà altresì misurarsi con elementi più attinenti all’informatica che alla scrittura, dato che dovrà ottimizzare anche la struttura del sito web e gli URL dei contenuti, oltre a realizzare al meglio link e metatag in grado di donare ad un testo un appeal che Google non potrà ignorare.